parco pallavicini

Il Risveglio del Parco Pallavicini di Pegli

image_pdfApri e scarica in PDF

Puntuale come un orologio svizzero il Parco Pallavicini anche quest’anno ha aperto il sipario alla grande rappresentazione del suo spettacolare camelieto storico. In verità alcune cultivar come la Camellia Incarnata hanno iniziato a fiorire già a dicembre ma adesso tutto sta esplodendo e già a tratti si sta colorando di petali il vialetto. Dopo alcuni anni di cure e concimazioni adesso il camelieto contemporaneamente più ampio e più antico d’italia ha ripreso il suo vigore che immaginiamo sarà del tutto raggiunto dopo una campagna di leggere potature che dovrebbe andare in onda alla fine di aprile.

Parco Pallavicini
Camellia japonica – foto di Gaia Peverati

Ma quest’anno i visitatori potranno ammirare anche alcune importanti novità. La prima è la realizzazione di una nuova area di camelieto dedicato alle camelie invernali che fioriscono tra ottobre e gennaio e che adesso mantengono ancora alcune corolle; ne abbiamo messe a dimora una dozzina bonificando un’area che da molti decenni era incolta e abbandonata a se stessa ed altrettante verranno impiantate alla fine della prossima estate per completare l’insieme.

La seconda novità è la realizzazione di un tratto di roseto che anticipa il camelieto storico, in un’area adiacente all’antica Pinara della Villa ancora oggi rimasta intatta nella sua conformazione di tipica coltivazione rurale ligure. Si tratta di una collezione di diciassette Rosa moschata che si trovavano nei vasi nel Giardino di Flora e che da un paio di anni avevano assunto una dimensione tale da richiedere l’impianto in piena terra.

Parco Pallavicini
Camellia japonica – foto di Gaia Peverati

Così il camelieto del marchese Ignazio Pallavicini resta oggi intatto e protetto da queste novità che esprimono la vita che avanza, che continua a pulsare nel rispetto del passato con l’entusiasmo con cui si guarda al futuro.

Per tutti coloro che vogliono venire a godere di tutte queste bellezze il Parco sarà aperto in maniera straordinaria nei weekend del 19/20 e 26/27 febbraio durante i quali sarà possibile entrare in autonomia o prenotarsi per la visita al camelieto guidata dai nostri esperti che vi faranno fare un tuffo nella storia e nelle curiosità botaniche.

Dal 1 marzo poi inizia la stagione 2022 e quindi il parco sarà aperto tutti i giorni escluso il lunedì. Le visite specialistiche al camelieto continueranno durante tutti i weekend di marzo e il primo di aprile.

Vi aspettiamo per farvi conoscere la camelia più antica del parco, le incredibili e stravaganti manipolazioni costruttive volute dal marchese e dal suo architetto e, per i visitatori di febbraio, la straordinaria fioritura delle Magnolia x Soulangeana o Magnolia nudiflora che regalano uno spettacolo oltre ogni aspettativa.

PS. Nel caso di brutto tempo non fatevi scoraggiare, l’evento è stagionale e il Parco rinfrescato dalla pioggerella è bellissimo!

Arrivederci nel Parco
(foto di copertina Viale delle Camelie – Maria Grazia L’Abbate)

Silvana Ghigino
Direttore e Curatore del Parco Durazzo Pallavicini di Genova Pegli

Articoli Correlati: L’importanza di tutelare e valorizzare i giardini storici “tratto distintivo della nostra civiltà”
Il ruolo delle grandi famiglie genovesi, artefici del paesaggio storico di Pegli

image_pdfApri e scarica in PDF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.