Da Carloforte a Pegli, si ripete l’annuale appuntamento con la comunità tabarchina

image_pdfApri e scarica in PDFimage_print

L’appuntamento avrà luogo, come da tradizione, in occasione delle celebrazioni in onore della Madonna dello schiavo, che vedranno il loro culmine il 27 novembre presso la chiesa di S. Maria Immacolata e San Marziano di Pegli con la Santa Messa Solenne

Di Antonello Rivano

La rappresentanza carlofortina, quest’anno particolarmente nutrita, si parla di 32 persone, arriverà a Pegli grazie al viaggio organizzato dalla Pro Loco Carloforte e si tratterà dal 25 al 27 novembre.
L’arrivo è previsto per venerdi pomeriggio a Pegli, dove i carlofortini saranno accolti dal Presidente del Municipio VII Ponente, Guido Barbazza, e dalla Pro Loco locale presso il Municipio Pegliese. Nello stesso giorno i carlofortini parteciperanno alla “cena tabarchina” di Recco. Il giorno successivo invece saranno ricevuti, nel corso di una visita ai Palazzi dei Rolli, dal Sindaco di Genova Marco Bucci a Palazzo Doria.
Domenica 27 alle ore 10.30 Santa Messa Solenne in onore della Madonna dello Schiavo, concelebrata dal parroco di Carloforte Don Andrea, presso la chiesa della Parrocchia S. Maria Immacolata e San Marziano di Pegli, dove dal 1967 è presente una copia del simulacro della “Madonnina nera” donata a Pegli da Carloforte. i la rappresentanza lascerà Pegli nella mattinata di lunedì 28 novembre.

Chiesa S. Maria Immacolata: la Madonna dello Schiavo donata da Carloforte nel 2018


Il rinnovarsi dell’appuntamento con la comunità tabarchina di Carloforte è testimonianza che i rapporti con Pegli non si sono mai interrotti. Cosi come anche l’impegno del PONENTINO e del Circolo Culturale Norberto Sopranzi di Pegli, tra i promotori presso l’UNESCO per il riconoscimento dell’Epopea Tabarchina come bene immateriale dell’umanità, ha sempre dimostrato. Da ricordare, tra le iniziative del Sopranzi per i rapporti con le comunità tabarchine, in primis nella figura del cofondatore ed ex presidente Antonio Marani, le Giornate Storiche Pegliesi, l’ultima nel 2019, poco prima dello stop dato dal Covid.

Antonello Rivano
Redattore Capo ilponentino.it



image_pdfApri e scarica in PDFimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.