95 anni dopolavoro Ansaldo

95° anniversario del dopolavoro Ansaldo

image_pdfApri e scarica in PDF

Avere novantacinque anni e non sentirli

Lucia Cireddu

Grazie ai vari gruppi Dirigenti che negli anni si sono avvicendati per portare avanti un lavoro cominciato nel lontano 1927 da Ansaldo e Fincantieri. Lo storico CENTRO SOCIALE INTERAZIENDALE (A.C.S.I) nato come Dopolavoro con lo scopo di dare dei servizi ai lavoratori delle aziende. Nel corso degli anni, il CENTRO SOCIALE INTERAZIENDALE Ansaldo-Fincantieri, ha ampliato le sue attività offrendo ai suoi associati una vasta gamma di servizi e convenzioni per l’acquisto di beni e servizi, in particolare avendo un’occhio di riguardo per le famiglie, ossia la salute, e l’istruzione consentendo così ai suoi iscritti di usufruire di importanti agevolazioni e mantenere sempre vivo il senso di appartenenza al Dopolavoro.

Senza dimenticare che un supporto importante per le varie iniziative viene dato dai soci volontari, con il loro prezioso contributo. In questi ultimi anni oltre alle attività di svago e tempo libero, oltretutto sempre molto partecipate, il Dopolavoro ha messo in pratica l’apertura di un centro estivo a Sestri Ponente, sempre per tenere in considerazione il benessere delle famiglie dei soci.

Nella stessa struttura si possono praticare anche il gioco delle bocce, passatempo sempre gradito, e corsi di pittura, oltre a seguire i vari  circoli di: sci, pesca, musica, canto,  palestre per ginnastica giovanile e per gli amanti dei cani corsi agility. Infine non trascurando la collaborazione con altre realtà a scopo benefico, come con Music For Peace. È in questo contesto appunto, che per ricordare i 95 anni che il Dopolavoro Ansaldo opera sul territorio, A.C.S.I. Festeggerà lo stupendo traguardo con diverse iniziative( Covid permettendo) coinvolgendo non solo gli iscritti e le loro famiglie, ma anche le Istituzioni Locali.
Foto da fondazioneansaldo.it

Lucia Cireddu
Nata a Carbonia(CA) Residente a Pegli da oltre 35 anni. Da circa 20 anni impegnata nel sociale come volontaria. Ha cominciato nell’ospedale di Voltri, fino al 2012. Con la perdita della madre, malata di Alzheimer si è occupata con l’associazione AFMA dì Cornigliano di seguire le persone affette da tale malattia e le loro famiglie. Tale attività è proseguita fino all’inizio della pandemia dì Covid 19 che ne ha reso molto difficile il compito. Per due mandati, ha fatto parte del Consiglio del Comitato di quartiere di Torre Cambiaso. Fa parte del coro “Castello Raggio” di Cornigliano. Che ha come scopo prioritario quello di portare un pò di sollievo e divertimento alle persone ricoverate negli Istituti per anziani. Dal 2016 al 2019 è stata eletta Presidente dell’Associazione dei Sardi a Genova “Sarda Tellus”.

image_pdfApri e scarica in PDF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.