“U punte”. Genova 14 agosto 2018 ore 11.36

image_pdfApri e scarica in PDF

Ricordiamo quei momenti con una poesia in Tabarchino di Antonello Rivano, scritta in quei giorni.

U punte

U punte u s’è amalucáu cumme in papé de strassa.

Drentu de lé vitte stragè, giascè e spüè via.

Zéna ferìa, Zéna vìddua e órfana, Zéna ch’a ciánze i só figiö.

Zéna inzenugiò in preghéa, Zéna ch’a se pigge pe man e, mütta, 

a se ise ancun.

Antonello Rivano – Dialetto tabarchino di Carloforte

IL PONTE

Il ponte si è accartocciato, come carta straccia.

Dentro di lui vite rovinate, masticate e sputate via.

Genova ferita, Genova vedova e orfana, Genova che piange i suoi figli.

Genova inginocchiata in preghiera.

Genova che si prende per mano e, muta,

si rialza ancora.

image_pdfApri e scarica in PDF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.